Skip to main content

Televisori al Plasma, Lcd, Led e 3D: l’evoluzione della TV

Televisori al Plasma, Lcd, Led e 3D: l’evoluzione della TV


Con gli anni la tecnologia non si è mai fermata ed ha abbracciato qualsiasi settore con cui l’uomo è entrato a contatto. Ma soprattutto l’evoluzione tecnologica ha interessato un oggetto che ormai è presente (a volte in numero considerevole) nella casa di ognuno di noi. Di cosa stiamo parlando? Facile indovinare! La TV!


Le prime TV erano costituite da una scatola in cui si vedevano le immagini rigorosamente in bianco e nero, e soprattutto non esisteva il fatidico Telecomando. Eh già, per cambiare canale e fare “zapping” bisognava pigiare direttamente i tasti sulla Tv, quindi il relax sul divano durava poco!

Le prime innovazioni vedono la nascita dei colori, certo, la qualità d’immagine era diversa da quella attuale ma era comunque una novità apprezzata da chiunque avesse tv e un input per chi non ce l’aveva ad acquistarne una nuova anche se non tutti potevano permettersela.
Il telecomando ha rappresentato la felicità di molti se non di tutti! cambiare canale comodamente seduti e continuare il relax dopo il lavoro!
Ma la vera evoluzione della tv è stata e continua ad essere il miglioramento della qualità di immagine.
L’inizio è stato lo schermo a tubo catodico con una definizione di 640x480 pixel. Questo tipo di televisori sono grandi, pesanti e occupano molto spazio.
L’immagine che appare sullo schermo è costituita da una infinità di puntini, cioè i pixel, che più piccoli sono maggiore è la nitidezza e la chiarezza dell’immagine stessa.
Un componente fondamentale di un’ottima immagine, oltre al numero di pixel, è rappresentato dai colori, quelli di base sono rosso, verde e blu. Le TV di ultima generazione hanno aggiunto anche il giallo per creare dei colori più brillanti e dare  una sensazione di realismo.
Proprio dalla bassa qualità di immagine e dalla grande dimensione ha continuato l’evoluzione tecnologica per arrivare ai cosiddetti televisori a schermo piatto.

 

 

 

 

Vediamo adesso nel dettaglio le caratteristiche e le diverse tipologie di televisori presenti sul mercato.

Televisori LCD (a cristalli liquidi)
Il loro design è veramente innovativo, e le dimensioni sono le più svariate.
Il profilo è elegante e con una profondità di circa 2 0 3 pollici. Possono essere spostati e posizionati ovunque, anche a parete. I colori sono brillanti, e grazie a ciò possono essere posizionati anche in ambienti poco luminosi. Alcuni dei modelli presenti sul mercato supportano la tecnologia 3D, ovvero si può passare dal 2D al 3D premendo un semplice tasto.
La qualità di immagine è sostanzialmente elevata, ma si possono trovare differenze variabili in base alla marca produttrice.

Televisori LED (diodi ad emissione luminosa)
Sono un’evoluzione del televisore LCD, in pratica sono schermi LCD che montano al loro interno luci a LED. In base alla posizione di montaggio delle luci sono presenti 2 categorie di LCD a LED:
Edge LED, se le luci sono posizionate solo nel contorno dello schermo, avrete sicuramente sentito parlare del “bordo illuminato”;
Full LED, se le luci sono posizione dietro l’intero schermo.
Entrambi i tipi presentano qualità immagine ottima, ma il Full LED è migliore.
Le TV a LED producono un risparmio energetico a seconda della dimensione dello schermo, rispetto ad una TV LCD, e ad una TV al Plasma, anche se all’atto dell’acquisto risultano più costose.

TV al Plasma
In pratica il plasma è un miscuglio di energia elettrica e ioni che emette luce a differenti lunghezze d’onda.
Questo processo porta ad immagini di qualità altissima, nitidezza e contrasto perfetti.
Le TV di questo tipo sono quasi tutte con grandi schermi, ma sottili, e rispetto agli LCD e ai LED hanno un angolo di visione superiore, cioè si possono guardare anche lateralmente, quindi riprendono la caratteristica che contraddistingue le tv con tubo catodico.

Televisori 3D
Il 3D nasce nelle sale cinematografiche ma oggi è possibile averlo in casa propria.
La particolarità dei televisori 3D è l’utilizzo degli appositi occhialini 3D, senza i quali non è possibile identificare l’immagine, in quanto questa viene creata dall’alternanza della luce sull’occhio destro e sinistro.
Altro svantaggio/limitazione è il loro costo, ancora molto alto proprio per la recente entrata sul mercato.
Sono si televisori accattivanti, ma devono ancora riuscire a conquistare chi non è appassionato del genere.

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.4 (8 voti)