Skip to main content

Cosa è il Jobs Act

Cosa è il Jobs Act


Il mondo del lavoro cambia con il Jobs Act. Il cuore della riforma promossa da Renzi & Co. sembra essere rappresentato dai contratti di lavoro. L'obiettivo è di arrivare ad un contratto unico. Riformati anche gli ammortizzatori sociali e l'articolo 18: obbligo di reintegro per licenziamenti discriminatori e per alcuni tipi di licenziamenti disciplinari. Addio al reintegro per licenziamenti di natura economica.

Tra le novità del Jobs Act anche una buonuscita più consistente a ai licenziamenti per giusta causa in cui il dipendente decide di non avviare un contenzioso con il datore di lavoro.

Dopo l'ok del Senato si attendono i decreti attuativi in cui verranno chiarite le condizioni specifiche in materia di licenziamenti (soprattutto per quelli di natura economica e disciplinari). E il tanto discusso articolo 18? Con il Jobs Act viene superato in quanto la cig in deroga tenderà a scomparire con i nuovi ammortizzatori sociali tra cui il Naspi (nuova assicurazione sociale per l'impiego).

 

jobs act

 

Quali saranno i prossimi provvedimenti del Jobs Act

Dimissioni in bianco: il governo si impegna a formulare una nuova normativa per regolare il dilagante fenomeno delle “dimissioni in bianco”, ovvero quel foglio che le aziende fanno firmare ai lavoratori al momento dell'assunzione. In questo modo verrà evitato il perpetrarsi di gravi situazioni di abuso e ricatto sulle “dimissioni volontarie”;

 

Garanzia giovani: finalmente con il Jobs Act ci si adegua agli stati membro dell'Unione Europea per sviluppare offerte di lavoro valide dal punto di vista qualitativo per i giovani che non hanno ancora compiuto 25 anni e che si affacciano al mondo del lavoro dopo gli studi. L'iniziativa però è dedicata anche ai giovani disoccupati e che sono completamente emarginati;

 

Controllo: questo è un tema molto delicato perché tra controllo e privacy vi è una sottile linea rossa. I processi di produzione (e non solo) verranno controllati mediante dei sistemi di videosorveglianza. Anche in questo caso tutti i dettagli verranno approfonditi con i decreti attuativi, ma si aprono nuove prospettive di lavoro in quanto il sistema necessita di nuove figure che seguano i processi;

 

Maternità: con l'introduzione dell'indennità di maternità, le lavoratrici potranno usufruire dell'assistenza anche se il datore di lavoro non versa regolarmente i contribuiti. In questo modo si porrà un freno alle dimissioni in bianco a causa della maternità. Inoltre verrà data la possibilità di cedere le proprie ferie annuali retribuite a colleghi che hanno figli minori gravemente malati.

Il tuo voto: Nessuno Media: 1 (2 voti)